Aiutare l’uomo Dioniso

Articolo

Dottor Marco Vettori

E’molto importante per un individuo dalle caratteristiche psicologiche che sono proprie del dio greco “Dioniso” incontrare e fare ami
cizia con Apollo.
L’incontro con Apollo comporta, per il soggetto Dioniso, la capacità di pensare in maniera razionale ovvero di imparare a riflettere sulle possibili conseguenze future del proprio comportamento attuale e anche” che cosa apprendere” e le modalità adatte [il come] imparare dall’esperienza presente.

In sintesi

Incontrare Apollo per l’individuo “Dioniso” significa apprendere:

• “Il rapporto” che si realizza tra “il comportamento attuale” e “le
conseguenze future”.
• I Contenuti, i Metodi e le Tecniche per imparare da un genitore chetestimoni alla propria creatura (per natura irrazionale ed emotiva incui gli opposti si esaltano) una equilibrata capacità di sentimento.
Incontrare e accompagnarsi ad Apollo permette, pertanto, a Dioniso di migliorare la propria capacità di pensare in maniera razionale:
allenarsi a favorire una propria positiva distanza emotiva“.

Il padre migliore per Dioniso.


Il genitore di sesso maschile più positivo per Dioniso è quello che lo accetta e lo sostiene, e con il proprio esempio, lo aiuta ad apprendere l’arte di tradurre “l’emozioni in sentimenti“.

I

Il tipo migliore di madre per Dioniso è una donna dolce e materna che gli dia esempio di compassione ed empatia. Facendo esperienza del “patire con” e dell’entrare nella esperienza globale dell’altro, attraverso l’esempio
di sua madre, il piccolo Dioniso imparerà a far si che la sua esperienza da impersonale diventi individuale e personale. Con l’esempio e l’ausilio di un
femminile empatico l’eros di Dioniso, con suoi simili e le donne, avrà la
possibilità di divenire più autentico e più vero.
Quale movimento potrà essere più adatto a favorire la crescita
psicofisica di Dioniso?

Per uomo che esprime se stesso attraverso il corpo la danza potrà un ottimo mezzo per aiutarlo ad incontrare l’altro e, attraverso il sentimento, esprimere compassione ed empatia.
Come la psicoterapia può aiutare DIONISO?
Se Dioniso accetta di fare un percorso terapeutico la psicoterapia lo può aiutare a superare le esperienze di rifiuto e di critica sperimentate
nell’infanzia spesso causate da genitori inadeguati e inconsci.
Zeus predilige un figlio razionale e di potere come lui e non un
individuo emotivo disturbato dalla sua emotività e dai suoi doppi.
Questo fa si che il padre Zeus rifiuti il figlio e lo abbandoni al suo
destino.
Athena madre di testa, emotivamente distante, poco incline agli atteggiamenti
materni e alla dolcezza, non accetta Dioniso, perché non si sente appagata dalla sua mancanza di ambizione.

Caratteristica particolar-mente utile ed importante per la
soddisfazione di una donna Minerva.
Data la sua natura e i suoi

mezzi, lei si sentirebbe particolarmente appagata nell’offrire il massimo aiuto ad un figlio ambizioso, ma Dioniso a causa della sua mancanza d’ambizione fa sentire Athena frustrata incapace e poco appagata.
Di conseguenza è costretto a subire frustrazioni e rifiuti.
II

Ad imparare ad avere sentimento nei confronti di se stesso. A rendersi conto che i suoi pensieri e le sue emozioni [ciclotimiche]che
lo catturano in un hic ed nunc (qui e adesso) eterno, immutabile e
cristallizzato sono una sua inadeguata illusione (una Maia) che lo
pietrifica e lo blocca in una bara che lui stesso si è costruito e che lo
tiene prigioniero.

Se è disposto ad incontrare la propria anima e a dare un bacio o a farsi baciare dalla medesima, attraverso un percorso di crescita
psicoterapeutica, potrà acquisire consapevolezza e prendere le
distanze e forse liberarsi dal freddo che ha edificato la bara,
pietrificata e cristallizzata, dove giace. Splendido avello scintillante
causato dalle frustrazioni e percezioni negative di se stesso causate e
assorbite al contatto con l’io e l’inconscio dei propri familiari.

III

Ad incontrare l’esperienza dell’aspetto Dioniso quando l’io è
disponibile verso il dio e non quando le ombre dell’archetipo Dioniso
tendono a sottomettere e soggiogare un individuo ai suoi estremi
istintuali.

IV

A superare l’identificazione con il piccolo principe che vuole restare
il puer aeternus e non radicarsi incontrando l’altro del sesso opposto
per rimanere l’eterno adolescente.

In conclusione che cosa significa per Dioniso andare nell’Ade e portare

sua madre Semele nell’Olimpo?
Superare la paura dell’inconscio [Ade-infernale] Grande Madre che può divorare e castrare o trattenere e blandire impedendo di crescere.
Dare spazio al coraggio e al desiderio di crescere e diventare adulto per
potere incontrare la propria anima e il femminile (compagna) una volta accettato di essere disponibile “nei fatti e non a parole” di andare oltre la paura dell’inconscio e ed essere disponibile alla crescita individuale nell’incontro con il femminile e sull’asse verticale verso lo spirito.

Nota Bene:
Una donna si sente felice e alla pari con “un uomo selvatico” ovvero

con un compagno che non vuole rimanere il cocco della sua mamma che lo
fa (sembrare) felice ma lo mantiene puer e/o eterno adolescente].



All content © Copyright 2021 by Psicoterapeuta: 0521.282404 – 339.1538669.
Subscribe to RSS Feed – Posts or just Comments

Workaholic WordPress Theme by Graph Paper Press